ISTITUZIONALE CONTATTO Staff Partners Accesso Medici Dove siamo Polo IRC Donna Polo IRC Sport IRC Art NOVITÁ TERAPIA DEL DOLORE PUBBLICAZIONI L’esame ecografico delle mammelle risulta particolarmente impegnativo e difficoltoso per la scarsa differenza di impedenza acustica presente tra i tessuti che compongono tale ghiandola e per la necessità di dover rilevare minimi e sottili dettagli eco strutturali per l’identificazione di eventuali alterazioni focali e ancor più per una differenzazione tra patologie benigne e maligne. L’esame ecografico deve essere condotto con paziente supina con il braccio corrispondente alla mammella indagata flesso ed abdotto, con la mano sopra la testa. Questa posizione consente un appiattimento della ghiandola ed una maggiore immobilità nel corso dell’esame. Nel corso dell’esame ecografico devono essere sistematicamente ed accuratamente indagate tutte le porzioni della ghiandola eseguendo uno studio prima per quadranti e poi in senso radiale consentendo queste seconde scanzioni di analizzare più correttamente le strutture del lobo ghiandolare nella sua complessità epiteliale e connettivale e l’asse del dotto che converge verso il capezzolo. L’esame ecografico della mammella va quindi completato da un accurato studio di eventuali alterazioni linfonodali in sede ascellare ed a livello della mammaria interna. Ecografia del seno

 

© 2015 Istituto Radiologico Collegiata | ALL RIGHTS RESERVED
Developped by A B O Design & Project | SUIRA Group